500 ANNI DALLA MORTE DI LEONARDO DA VINCI: 5 PUBBLICITÀ ISPIRATE ALL’ULTIMA CENA

A 500 anni dalla sua scomparsa – 2 maggio 1519 -, il genio e le opere di Leonardo da Vinci continuano a fare parte delle nostre vite.

Il 28 maggio 1999, dopo 22 anni di lavori di restauro, tornava ad essere visibile al pubblico il Cenacolo di Leonardo da Vinci.
Oggi, esattamente 20 anni dopo, l’opera non smette di ammaliare.

L’ULTIMA CENA – CARATTERISTICHE DELL’OPERA

La rappresentazione si basa sul vangelo di Giovanni13:21, nel quale Gesù annuncia che verrà tradito da uno dei suoi apostoli.
L’Ultima Cena si trova nell’ex-refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano ed è databile 1495-1498.
Lungo 880 cm e alto 460 cm, è un affresco ottenuto con una tecnica mista a secco su intonaco.
A causa di questo singolare processo di realizzazione incompatibile con l’umidità dell’ambiente, il dipinto ha richiesto uno dei più lunghi restauri della storia e l’utilizzo delle tecnologie più avanzate del settore.
Ìl cenacolo conta innumerevoli copie sparse per il mondo – dall’Inghilterra alla Calabria, dal Belgio all’Iran – realizzate con le più disparate pratiche artistiche – dal bassorilievo ai foto ritocchi, dai mattoncini lego ai cartoon -.

L’ULTIMA CENA – 5 PUBBLICITÀ ISPIRATE ALL’AFFRESCO

La pubblicità ha apportato grandi dosi di creatività e simpatia alla riproduzioni del cenacolo.
Vediamo insieme 5 esempi ispirati a questo famosissimo affresco.

Marithé et François Gibaurd – Francia, 2005
Il rinomato brand d’abbigliamento ha voluto realizzare un’immagine pubblicitaria che mostrasse come la società moderna abbia permesso alle donne di raggiungere l’uguaglianza sessuale con gli uomini solo attraverso il sacrificio della la loro femminilità.

Topicida Mortein – Cile, 2007
Nella pubblicità del marchio di ratticida, le vittime sono invitate a consumare la loro ultima cena: gustosa ma fatale.

Folsom Street Fair – Stati Uniti, 2007
Il manifesto dell’evento annuale relativo alle sottoculture leather e BDSM di San Francisco allude all’inclusione sociale e all’uguaglianza.

OIPA – Italia, 2007
Immagine pubblicitaria realizzata per l’Organizzazione Internazionale per la Protezione degli Animali. La spiegazione è nell’headline – Uno di voi ci tradirà. 150.000 volte l’anno – che si riferisce alla media di animali abbandonati annualmente in Italia.

LE MUST – Francia, 2017
Lo scopo di questa pubblicità, pubblicata sulla rivista Le Must, è quello di aiutare i consumatori a compiere scelte alimentari corrette e di promuoverne la conoscenza rispetto a malattie croniche.
Nella fotografia sono infatti presenti i maggiori 13 professionisti francesi esperti in alimentazione.

Vuoi anche tu creare una campagna pubblicitaria che segua i trend del momento?
Non esitare a contattarci: troveremo la soluzione più adatta alle esigenze della tua azienda.
Tel: 051 226371
Email: info@cr3are.com

Condividi:

Commenta articolo

Date/time:
Categories: Advertising/Art