Buon compleanno photoshop: 30 anni di fotoritocchi!

Per celebrare il traguardo, Adobe ha deciso di rilasciare un aggiornamento con nuove funzionalità IA sia per desktop che per la versione iPad.

Il 19 febbraio 1990 fu rilasciato photoshop 1.0 per Macintosh: fu questa la prima versione ufficiale del famoso software, comprato due anni prima dai fratelli Knoll. Sicuramente non aveva tutte le funzionalità a cui siamo abituati oggi, ma era davvero un prodotto rivoluzionario. Photoshop 2.0 fu rilasciato l’anno seguente e la versione 2.5 nel 1993 (la prima a poter essere utilizzata su piattaforma windows).

Trent’anni dopo, photoshop è il leader del mercato per i software dedicati al fotoritocco. Il termine viene anche usato per indicare tutto ciò che ha a che fare con la manipolazione delle immagini. Ormai non è solo un prodotto per grafici e fotografi, ma è una raccolta di strumenti, che possono essere utilizzati per gli scopi più disparati e che non temono nessun competitor; nemmeno quelli più potenti ed economici, che però non possono vantare di avere un marchio così forte. Photoshop è un prodotto di successo, ha fidelizzato la clientela e permesso ad Adobe (azienda che lo commercializza) di poterlo distribuire attraverso un sistema Cloud di licenze in abbonamento, e non più con una formula che ne permetta l’acquisto perenne. Questa formula, permette di poter rilasciare degli aggiornamenti veloci e constanti, che raggiungono tutti gli utenti senza dover attendere la successiva release.

É proprio questo il punto di partenza della nuova versione 2020, che permette ai nuovi user di testare nuovi miglioramenti negli strumenti di imaging basati sull’IA. Un esempio può essere il riempimento del contenuto, che oggi è in grado di lavorare su più selezioni contemporaneamente; mentre la lente sfuoca, filtro che imita la bokeh e la bassa profondità di campo delle lenti con un apertura molto ampia, è stata ottimizzata per lavorare in GPU e non sulla CPU come un tempo. Gli aggiornamenti più importanti avvengono però per la versione iPad del software. È infatti su questi dispositivi che gli utenti possono applicare gli strumenti di selezione degli oggetti, facendo sì che si possano isolare più oggetti sulla scena; non è da sottovalutare il netto miglioramento anche sotto il profilo della composizione tipografica. Photoshop per iPad è disponibile per chiunque possieda un abbonamento CC. L’app può essere liberamente scaricata dall’app store e vi si può accedere semplicemente effettuando il login con il proprio Adobe ID.

Condividi:

Commenta articolo

Date/time:
Categories: Graphic Design