Halloween, ecco i segreti del 31 ottobre: dalle rape alle zucche!

È stata a priori Hollywood ad insegnarci tutto, o quasi, quello che sappiamo oggi su la festa di Halloween. La filmografia e le sit americane ci hanno fatto importare streghe e mostri per la notte del 31 ottobre. In Europa esistono tradizioni legate ai giorni successivi (santi e defunti) ma sono di impronta prettamente religiosa. La festa di Halloween come oggi la concepiamo nasce in una maniera molto diversa.

halloween

HALLOWEEN: IL SIGNIFICATO

All Hallow Eve ovvero la notte prima di tutti i santi. Halloween è una variante scozzese del nome. È dunque la sera del 31 ottobre che precede il giorno del 1 novembre dedicati a tutti i santi.

HALLOWEEN: LE ORIGINI

L’origine è nella cultura celtica precristiana. Per i Celti il 31 ottobre segnava la fine del periodo estivo e coincideva con la festività di Samhaim (dal gaelico antico Samhuinn che simboleggia la fine dei raccolti e l’inizio della stagione invernale, la più dura). E’ tipica credenza che in questa notte le anime dei morti potessero tornare sulla terra accompagnati da demoni, streghe e fantasmi. Abbiamo già traccia in periodo medievale di maschere che venivano indossate per esorcizzare la morte e accompagnare riti ben auguranti.

HALLOWEEN: PAGANI VS CRISTIANI

C’è da fare una distinzione tra la festa del 1 novembre di Ognissanti (religiosa) e Halloween (pagana). Halloween viene anche associata a Satana e coincide con l’inizio dell’anno per le streghe.

halloween

HALLOWEEN: LO SVILUPPO

Con l’arrivo di questa festa negli Stati Uniti ne è sta la commercializzazione e il carattere più simbolico legato alla festa è stato soppiantato da uno spirito commerciale legato al mondo dei bimbi. Dal macabro si è passato al gioco del macabro.

HALLOWEEN: I ROMANI

Come tutte le altre feste anche questa non si esime dall’avere radici nell’antica Roma. La festa di Halloween coincide con il periodo dedicato ai festeggiamenti della dea Pomona, dea dei frutti e dei semi.

halloween

HALLOWEEN: TRICK OR TREAT

Dolcetto o scherzetto tradotto in italiano. Questa tradizione viene direttamente dal medioevo in cui era usanza, per le persone meno fortunate, chiedere cibo ed elemosina nelle notti tra il 1 e il 2 novembre. Oggi questa tradizione si è trasformata: i bimbi bussano di porta in porta per raccogliere qualche moneta o dei dolciumi se non si vuole cadere nei loro scherzetti!

HALLOWEEN: LA ZUCCA

L’alimento di questa stagione e la tradizione di intagliarla con fattezze di un volto deriva dal personaggio di Jack-o’-lantern e risale alla prima metà dell’ottocento.

halloween

HALLOWEEN: JACK-O’-LANTERN

L’usanza di Halloween è legata alla famosa leggenda dell’irlandese Jack, un fabbro astuto, avaro e ubriacone, che una sera al pub incontrò il diavolo. A causa del suo stato d’ebbrezza, la sua anima era quasi nelle mani del demonio, ma astutamente, Jack gli chiese di trasformarsi in una moneta promettendogli la sua anima in cambio di un’ultima bevuta. Mise poi rapidamente il diavolo nel suo borsello, accanto ad una croce d’argento, cosicché egli non potesse ritrasformarsi. Per farsi liberare il diavolo gli promise che non si sarebbe preso la sua anima nei successivi dieci anni e Jack lo lasciò andare. Dieci anni più tardi, il diavolo si presentò nuovamente e questa volta Jack gli chiese di raccogliere una mela da un albero prima di prendersi la sua anima. Al fine di impedire che il diavolo discendesse dal ramo, il furbo Jack incise una croce sul tronco. Soltanto dopo un lungo battibecco i due giunsero ad un compromesso: in cambio della libertà, il diavolo avrebbe dovuto risparmiare la dannazione eterna a Jack. Durante la propria vita commise così tanti peccati che, quando morì, fu rifiutato dal Paradiso e presentatosi all’Inferno, venne scacciato dal diavolo che gli ricordò il patto, ben felice di lasciarlo errare come anima tormentata. All’osservazione che era freddo e buio, il diavolo gli tirò un tizzone ardente, che Jack posizionò all’interno di una rapa che aveva con sé. Cominciò da quel momento a vagare senza tregua alla ricerca di un luogo in cui riposarsi. Prima della zucca si intagliano le rape come lanterne che stavano a rappresentare le anime del purgatorio.

halloween

HALLOWEEN: I COLORI

Il nero, il viola e l’arancione sono i colori di questa festa.

halloween

HALLOWEEN: SOLIDARIETÀ

Fin dagli anni 50 l’Unicef ha dedicato la raccolta fondi in questa giornata ai bambini meno fortunati. Il testimonial di quest’anno è il pupazzo parlante da ventriloquo Goosebumps.

halloween

Condividi:

Commenta articolo

Date/time:
Categories: trend