Packaging interattivo

Scopriamo insieme cosa si intende per interactive packaging, ovvero le confezioni interattive e quanto sia importante il legame emotivo tra utente e prodotto.

La sfida del marketing del prodotto si gioca oggi più che mai anche attraverso il packaging design. In molti casi è proprio una confezione creativa e accattivante ad attirare l’attenzione a far concludere un processo di vendita. Questo è vero ancora oggi e anzi forse lo è ancor di più: le persone infatti chiedono sempre qualcosa di diverso e di più stimolante in grado di coinvolgerli anche emotivamente. La tendenza al packaging interattivo, ovvero confezioni pensate e realizzate con lo scopo di stimolare la curiosità dell’utente e di stabilire un rapporto concreto e attivo con il prodotto: connessione emotiva che si concretizza nella capacità di “intrattenere” il cliente e di invitarlo ad interagire attivamente con la confezione.

Con la definizione di packaging interattivo si definiscono due principali tipologie di confezioni:

  • Packaging che richiede un’interazione fisica o mentale da parte dell’utente
  • Packaging che fornisce informazioni interattive riguardo i prodotti venduti utilizzando specifiche tecnologie o etichette intelligenti.

Come sottolineato in precedenza, al giorno d’oggi i consumatori sono attratti in egual misura dal prodotto e dal packaging che lo contiene e in molti casi è proprio la confezione a catturare maggiormente l’attenzione dei possibili clienti. La confezione è sicuramente uno strumento indispensabile per la valorizzazione dell’immagine di un articolo, del suo brand e infine per il suo successo.

Il packaging interattivo ha lo scopo di emozionare e creare una connessione con il consumatore: una buona soluzione di packaging può impreziosire e dare il valore aggiunto che rende memorabile un prodotto. L’interazione è il mezzo che permette la creazione di un forte legame emotivo tra cliente e prodotto attraverso un rapporto di tipo attivo. La confezione richiede all’utente un azione, un gesto concreto e finalizzato ad uno scopo preciso.

Pensate ad un packaging con tanti puntini numerati che non vedono l’ora di essere uniti l’uno con l’altro per dare vita ad un disegno nascosto o al prodotto contenuto all’interno. Riuscite ad immaginare un puzzle da risolvere su un etichetta o un simpatico bicchiere che può cambiare con un gesto espressione. Riuscite ad immaginare una sciolta con scritto sopra “tagliami, strappami”. Se sei riuscito ad immaginare uno di questi esempi hai ben chiaro in testa cosa si intende per packaging interattivo in cui l’azione che compi sulla scatola è parte integrante del esperienza legata al prodotto, ancora prima che si arrivi a quest’ultimo.

Il packaging interattivo può anche essere molto utile mostrando ad esempio quanto resta da consumare del prodotto o semplicemente le istruzioni per un corretto utilizzo, unendo la bellezza di una bella confezione alla funzionalità di un buon progetto. La stimolazione visiva e fisica dell’osservatore spinge all’acquisto, spesso legato proprio all’interazione. Questa può essere la chiave del successo di un prodotto in un tempo in cui gli utenti sono sempre alla ricerca di stimoli nuovi e inaspettati.

Fornire qualcosa con cui interagire alle persone o rendere veramente semplice il modo di utilizzo di un prodotto è la soluzione migliore per incuriosire e coinvolgerle e per personalizzare l’esperienza. Molti sono i brand che stanno proprio convogliando i propri sforzi ed investimenti in questa direzione per realizzare scatole interattive che conquistino i consumatori sbaragliando la concorrenza.

E ora non ci resta che presentare gli esempi di packaging che ci hanno maggiormente colpito durante la stesura di questo articolo.

Non esitare a contattarci per realizzare il packaging più adatto alle tue esigenze e in linea con i trend attuali. Realizzare il packaging più adatto alla tua azienda, valorizzare il prodotto e cercare di stupire: tutto questo è cr3are.

Condividi:

Commenta articolo

Date/time:
Categories: Design/trend